Al via il laboratorio di “Musica Elettronica e Disabilità”: foto e video del primo incontro

Silvia Trovato 9 febbraio 2015 0

Questo slideshow richiede JavaScript.

È partito il laboratorio di “Musica Elettronica e Disabilità” a cura di Giovanisì Factory Livorno e Arci Solidarietà Livorno. Il laboratorio grazie all’esperienza degli One Eat One formati da Michele Cheli, Simone Tanchis, Samuele Vergili, Walter Vanni, Matteo Nati e Said Guerrine si occuperà di musica elettronica dal punto di vista produttivo, musicale, espressivo e terapeutico. Il progetto musicale degli One Eat One è unico nel suo genere, perché include persone disabili e non nella produzione musicale, nelle arti visuali e spaziali. Le Giovanisì Factory sono laboratori creativi e corner informativi che promuovono il progetto Giovanisì – Regione Toscana. Arci Solidarietà Livorno è l’associazione capofila vincitrice del bando sperimentale Giovanisì Factory per la provincia di Livorno, insieme ai soggetti partner Arci Piombino Elba e Arci Bassa Val di Cecina. Come responsabile della Giovanisì Factory Livorno al momento sto seguendo il laboratorio teatrale di partecipazione “Comunic – Arci” a Piombino e il laboratorio di Livorno di musica elettronica; segnalo anche in questa sede che abbiamo aperto le iscrizioni per il laboratorio di “Inglese e Musica Rock” che si terrà a Cecina presso la sede dell’Arci in piazza della Libertà 14. Il laboratorio di “Musica Elettronica e Disabilità” sarà un lungo percorso che a partire da febbraio andrà avanti fino al mese di maggio e si concluderà con uno spettacolo finale che si terrà al Nuovo Teatro delle Commedie. Gli studi di Radio Cage, in via Terreni 2, saranno il luogo in cui si svolgerà questo laboratorio, che seguiremo e racconteremo con video, foto e report, passo dopo passo. La prima lezione che vi raccontiamo qui con foto e con un breve video è servita per spiegare ai genitori dei partecipanti il progetto di “Musica Elettronica e Disabilità” e per fare le prime presentazioni, iniziando a capire da quali strumenti e da quali sonorità siano attratti i partecipanti del laboratorio; il gruppo è numeroso ed estremamente variegato. Michele ripete ai ragazzi e anche ai genitori che grazie agli strumenti della musica elettronica, una traccia, una melodia si costruisce come se fosse un piccolo pezzetto delle costruzioni “lego”; questo stimola la fantasia, la voglia di esprimersi, di trovare voce; che sia attraverso la drum machine come per Antonio, o che sia probabilmente attraverso le tastiere come per Elisa. Il prossimo appuntamento è per giovedì dalle 17 alle 18.30 in via Terreni 2. Seguiteci qui e sulle piattaforme social di Arci Livorno e Radio Cage.

  1. VideoLabMusica


Lascia un commento »