Ciak, si riparte.Il Livorno a caccia di rinforzi per la volata.

Alessandro Paroli 24 gennaio 2013 0

amaranto-275x16011

La lunga ricreazione è finita, si torna in classe. Venerdì sera riparte il campionato di Serie B, fermo dal 30 dicembre; la prima a  scendere in campo per la 23esima giornata sarà la capo-classe Sassuolo, che farà visita allo Scida di Crotone. Di seguito la giornata si svolgerà sabato alle 15 con Padova-Livorno e Spezia-Verona di cartello, per poi chiudersi lunedì sera con il posticipo tra Juve Stabia e Brescia. Ad essere precisi il campionato di serie B non è stato proprio fermo visto che si è approfittato della sosta per recuperare i minuti finali di Varese-Grosseto (partita già finita prima della sospensione, con i lombardi in vantaggio per 3-0) e il match intero ancora tra Varese e Brescia. Quest’ultima partita ha riservato non poche emozioni, finendo 3-2 per il Varese dopo una grande rimonta che lancia gli uomini di Castori come quarta forza del torneo cadetto.

Comunque aldilà dei recuperi, ad occupare la maggior parte dell’attenzione degli addetti ai lavori è ovviamente il cosiddetto mercato di riparazione invernale. Soldi ne girano pochi in serie A, figuriamoci in B. Molti i prestiti per sei mesi, gli scambi. Qualche “disoccupato” della massima serie scende di categoria per cercare una nuova vetrina. La squadra che sta cercando di completare nel modo migliore una rosa già competitiva è certamente il Verona di Mandorlini; un po’ delusi da questa prima parte di stagione, a otto punti dalla vetta, gli scaligeri hanno piazzato 3 colpi interessanti: Ragatzu, svincolatosi a novembre dal Cagliari, Agostini e Sgrigna provenienti da Torino, sponda granata. Altra squadra che ben si è mossa per ambire ad un posto nei play off è il Padova, prossimo avversario del Livorno; alla corte di mister Colomba approdano l’esperienza di Bonazzoli, Iori (ex amaranto) e De Feudis. Sul podio del mercato invernale fino ad ora va di diritto la Reggina, che con Di Michele e Colucci cercherà di dare una svolta radicale ad un campionato che definire deludente è dire poco (23 punti per i calabresi). E il Livorno? Gli amaranto hanno intavolato molte trattative, che però ancora non si sono concretizzate. Il Direttore Tecnico Perotti si è concentrato prevalentemente nello sfoltire la rosa dagli esuberi: Piccolo alla Virtus Lanciano, Remedi al Pontedera. Potrebbero partire anche Dell’agnello e Bigazzi. Chi non dovrebbe (anzi non deve!) partire sono i 3 tenori: Siligardi, Paulinho e Dionisi a meno di clamorosi ribaltoni rimarranno in amaranto fino a giugno. Dopo saranno lasciati liberi di spiccare il volo. Considerato che  tentativi di qualche squadra di serie A ci sono stati (soprattutto per i primi 2) è già da considerarsi un successo la loro permanenza; venendo alle possibili entrate, due i nomi più caldi: il difensore Lanzaro (in forza al Real Saragozza) e il baby centrocampista dell’Inter Duncan. Qualche sorpresa delle ultimissime ora non è da escludere; il Livorno vuole rinforzarsi, lo chiede il pubblico, lo chiede (probabilmente) Nicola; Spinelli ha ripreso entusiasmo e ha dato mandato a Perotti di rinforzare una rosa che già tanto bene ha fatto.

Come ho ripetuto spesso, la serie B è un campionato lungo, logorante, imprevedibile. Non conta essere secondi ora, si vedranno a metà marzo i reali valori. Il cammino è tracciato, da sabato non si scherza più: l’obiettivo è uno solo.

Lascia un commento »