“Che FilMetto?” ci presenta: Birdman di Alejandro Gonzàlez Iñàrritu

Federico Paoli 16 marzo 2015 0

locandinapg1

Quinto appuntamento con la rubrica di consigli Toppeghen su cosa andare a vedere al cinematografò da parte dell’allegra banda dell’Arena. Questa volta tocca a “Birdman” di Alejandro Gonzàlez Iñàrritu.

Come al solito bando alle ciancie e parola all’Arena.

TRAMA: Un attore in pensione, che aveva interpretato in passato il ruolo di un iconico supereroe, torna sui palcoscenici di Broadway nel tentativo di recuperare la gloria e la fama. I suoi sforzi però sono minacciati dall’egocentrico attore protagonista, con il quale si scontra.

Guardatevi il trailer:

Probabilmente non sarò tanto al di sopra delle parti in questa recensione visto che sono l’estimatore n°1 di Iñárritu, ma posso dirvi che dopo il (a mio parere) deludente Biutiful, il messicano torna con un film d’impatto.
D’impatto per vari motivi: il primo fra tutti è la regia estrema condotta in continui lunghissimi piani sequenza intervallati da un montaggio intelligente che elude tutti i tagli dandole una continuità apparentemente fisicamente irraggiungibile.
Il secondo è la meravigliosa interpretazione di Michael Keaton autentico mattatore della scena riesce in modo assolutamente credibile ad esprimere il suo dramma interiore dovuto alla perdita della fama.
Da non sottovalutare anche Emma Stone nel ruolo della figlia di Riggan Thomson (Michael Keaton), ragazza ribelle ma unica nel saper interpretare i pensieri del padre. Inedita interpretazione seria di Zach Galifianakis.

Voto: 7,5

Lascia un commento »