“Che FilMetto?” : Gone Baby Gone, regia di Ben Affleck

Ismaele Perini 19 marzo 2015 0

gone baby gone 3

I ragazzi dell’Arena Toppeghen oggi ci consigliano un “filmetto” del 2007, regia di Ben Affleck, ambientato a Boston e basato sul romanzo La casa buia (Gone, Baby, Gone) di Dennis Lehane.

« Tutti vogliono la verità… fino a quando non la trovano. »

TRAMA: Patrick Kenzie è un bostoniano da sempre e questo gli ha consentito di conoscere così tante persone da fargli decidere di divenire detective privato. Nella professione è aiutato dalla sua compagna Angie Gennaro. Un giorno i due giovani investigatori si vedono contattare perché coadiuvino la polizia nelle ricerche di Amanda, una bambina di quattro anni scomparsa recentemente. Non è però la poco affidabile e tossicodipendente madre Helene a cercarli ma gli zii della bambina. Nonostante la contrarietà del capo della polizia locale Jack Doyle i due si mettono all’opera coadiuvati da due poliziotti che Doyle assegna loro come aiutanti. L’indagine non è facile anche perché finirà con il mettere in gioco delle complesse scelte morali.

Eccovi il trailer :

 

Sicuramente il fatto che io adori tutto ciò che scrive Dennis Lehane ha influito sull’impatto che ha avuto questo film su di me ma vi assicuro che grazie all’interpretazione notevole di Casey Affleck, Michelle Monaghan (recentemente vista in True Detective)  e del sempre grandioso Morgan Freeman, ne esce fuori un thriller ad alta tensione, intricato e pieno di risvolti oscuri che esplode sul finale con un incredibile colpo di scena.

La sceneggiatura ben illustrata da Ben Affleck all’esordio come regista , personalmente credo che sia un grandioso direttore (molto meglio nella veste di regista che di attore!) visto che non sono da meno neanche The Town e tanto meno il pluripremiato Argo.

Vi consiglio anche di leggere il libro da cui è tratto il film La Casa Buia scritto appunto da Dennis Lehane, autore di testi dal quale sono stati tratti film come  Mystic River e  Shutter Island.

Ottimo thriller

Lascia un commento »