Benjamin Clementine in concerto a Firenze.

Federico Paoli 13 novembre 2015 0

Benjamin-Clementine-cover-album

di Matteo Razzaguta

La prima volta che ho visto Benjamin Clementine è stato sulla spiaggia di Calvì Estate 2013, durante il Festival “Calvì on the Rocks”.
Era impossibile non notare questo ragazzo di 1 metro e 90, la capigliatura afro, e la vestaglia di seta, sotto il sole di inizio Luglio.
“Chi è quello? ”
“Si chiama Benjamin Clementine. Ha suonato ieri sera al Festival, voce e piano.”
Me l’ero perso.
La seconda volta, 5 mesi dopo, penultimo giorno dell’anno 2013.
Era ospite di Villa Lena, una fondazione d’arte, situata in una tenuta di 500 ettari, a Palaia, in Toscana. Stava scrivendo il suo album d’esordio.
Verso mezzanotte decise di suonare per noi, una trentina di persone, voce e piano senza amplificazione.
Alla fine del concerto, ci guardammo negli occhi gli uni con gli altri, quasi a cercare conforto, quello che avevamo ascoltato aveva toccato le corde più profonde della nostra anima, per rimanervi impresse per sempre.
La terza volta che rivedrò Benjamin Clementine, sarà martedì prossimo 17 Novembre al Teatro Puccini Di Firenze.
Di cose in questi 2 anni ne sono successe: tutto il mondo ha conosciuto la storia di questo ragazzo 26enne che ha deciso di lasciare Londra a 19 anni, e vivere a Parigi, suonando nella Metropolitana e dormendo per strada.
Fino al giorno in cui il più importante impresario delle notti parigine, l’ha scoperto grazie ad un amico, ha fondato per lui una piccola ed indipendente etichetta discografica, permettendogli così di incidere il suo primo disco, “At Least for now”.
L’album, pubblicato il 12 Gennaio 2015, è entrato nelle Itunes top Ten di molti paesi europei, fino a raggiungere il primo posto in Francia.
Della sua musica si sono innamorati in molti: da Paul Mccartney a Bjork, da Charles Aznavour a David Byrne e Jools Holland, fino ad uno tra i più noti stilisti inglesi che ne ha fatto la sua icona di stile.
Benjamin comporrà inoltre la colonna sonora del prossimo James Bond, mentre venerdì prossimo sarà a Londra, dove il suo album è in lizza per la vittoria del prestigioso Mercury Prize.
Intervistato da il più importante quotidiano italiano alcuni mesi fa, alla domanda se volesse “continuare a vivere a Parigi o tornare da vincitore a Londra”, Benjamin ha candidamente risposto che “”Il mio sogno è di rifugiarmi a Palaia, in Toscana, dove vive un mio caro amico, dipingere le mie poesie su tela e completare il mio dizionario”.
Almeno per adesso.

Benjamin Clementine Live
Martedì 17 Novembre 2015, h. 21.
Teatro Puccini, via delle Cascine 41, Firenze.
Info: http://www.teatropuccini.it/benjamin_clementine/

Lascia un commento »